Chi è Simonetta Santamaria?

Simonetta Santamaria, la giornalista che ama il Brivido

Da ragazzina volevo fare il pilota di elicotteri e il meccanico. Ma ho dovuto sottostare, mio malgrado, ai canoni della “gonna”. Poi, a un certo punto, la ribellione. Ora giro in sella alla mia inseparabile motocicletta, so usare trapano e cacciavite al pari del pennello del fard, mi vanto di saper guidare “come un uomo” e come un uomo (sempre secondo i canoni del comune pensiero) pare sappia scrivere.
Nella fattispecie, le mie passioni sono il thriller e l’horror (generi tipicamente femminili…); il brivido non mi ha mai fatto paura, e sfidare le convenzioni fa parte del mio DNA: i miei hashtag sono #noaimestoli #sìallaferramenta.
Amo Stephen King (ma non gliel’ho mai detto), le montagne russe, i viaggi avventurosi. E prima o poi affronterò la Route 66 su una Harley. Amo anche i gatti, le orchidee, il rock, suonare la batteria e pratico il Wing Tiun Kung Fu…
Tutto il resto lo scoprirete attraverso queste pagine. Seguitemi. Se non s’era capito, sono una piena di sorprese.
Enjoy!😉

Simonetta Santamaria, Premio Lovecraft XI e Fantastique/I Fantasy Horror Award.
I suoi saggi illustrati Vampiri – da Dracula a Twilight e Licantropi – i figli della luna (Gremese) sono tradotti in Francia e Spagna.
Ha scritto i romanzi Dove il silenzio muore, Io Vi Vedo, Seguimi nel Buio, il romanzo breve I Livellatori, la raccolta di racconti Donne in Noir.
Ha partecipato a numerose antologie di prestigio, tra cui Eros e Thanatos (Giallo Mondadori) e The Beauty of Death (Independent Legions) insieme ad autori del calibro di Ramsey Campbell e Peter Straub.
È membro della Horror Writers Association.
Il quotidiano La Repubblica l’ha definita una delle “signore della suspense made in Naples” mentre per il Corriere del Mezzogiorno è “lo Stephen King napoletano”.

Visita il suo Sito Ufficiale
Seguila anche su Facebook

Ti è piaciuto? Condividi!